Telefunken Musikus 5SV – it

TELEFUNKEN MUSIKUS 5SV

TELEFUNKEN MUSIKUS 5SV

Il Telefunken Musikus 5SV è uno delle migliori fonovaligie costruite in Germania nel 1960/61.

La parte meccanica è costituita da un robusto giradischi a cinghia di produzione Telefunken. Il giradischi è dotato di antiskating automatico regolato in fabbrica. Può riprodurre dischi a 16/33/45/78 giri.
Non è dotato di automatismi per cui la meccanica è molto semplice, robusta e silenziosa.
Può montare testine monofoniche o stereofoniche.

L'elettronica è costituita da una ECL82 polarizzata in classe A.
La sezione triodo della ECL82 è usata come preamplificatore. Tra lo stadio preamplificatore e lo stadio finale vi sono i controlli di tono separati per gli acuti ed i bassi.
Un particolare interessante è il controllo fisiologico del volume composto da ben tre livelli separati che intervengono in successione al  diminuire del volume.
Tale controllo fisiologico è applicato ad entrambe le sezioni del potenziometro.

Un'altra caratteristica importante è la possibilità di collegare un amplificatore esterno, con il relativo altoparlante, per poter effettuare l'ascolto in stereofonia.
L'utilizzo tipico è quello di collegare l'uscita di questo giradischi all'ingresso fono di una radio.
E' sufficiente ruotare la testina ed il commutatore Stereo/Mono in posizione Stereo . In questo modo un canale sarà udibile nell'altoparlante della fonovaligia, l'altro canale sarà udibile dall'altoparlante della radio.
Azionando la manopola del volume della fonovaligia si agirà contemporaneamente su entrambi i canali. I controlli di tono dei due apparecchi rimangono invece separati ed autonomi.

L'ascolto in Mono non necessita di alcun apparecchio supplementare.

Il suono è dolce ed abbastanza corposo, ovviamente riposante e caratteristico. I toni acuti sono brillanti ed i bassi abbastanza presenti ... nel rispetto dei limiti imposti dalle leggi della fisica.

Bellissimo giradischi portatile Stereo con stadi finale Single Ended in classe A racchiuso in un mobile molto rifinito. Un oggetto con il quale si assapora veramente un'aria d'altri tempi.

 

Telefunken Musikus 5SV

Kaiser Wilhelm II
Telefunken U73b Compressor
Telefunken U73b Compressor
Telefunken V76 in studio

LA STORIA

1903 Il Kaiser Guglielmo II per non concedere il monopolio delle trasmissioni wireless alla inglese Marconi, ordinò alle società, AEG e Siemens, di creare una joint venture per sviluppare la telegrafia senza fili in Germania. Il nome con la quale viene costituita è Gesellschaft für drahtlose Telegrafen mbH

1923 Il nome della compagnia viene modificato in Firmierung in Telefunken, Gesellschaft für drahtlose Telegrafen mbH. Abbreviato in Telefunken, dove Tele sta per Telegrafo e Funken significa "Lampo" nel senso di veloce, immediato.

1930 La produzione si sposta gradatamente da apparecchiature militari e governative a produzione di apparecchi di consumo. In questi anni Telefunken entra nel mercato radio-televisivo, dei registratori e della incisione di dischi.

1930 Poichè le trasmissioni via radio non servivano più solo a trasmettere messaggi telegrafici ma vere trasmissioni di parlato e di musica divenne necessario introdurre il concetto di compressione del suono, per evitare continue variazioni del livello di volume della radio. Telefunken progettò e relizzo il primo compressore per stazioni trasmittenti al mondo, l'U3. L'U73b in figura, evoluzione dei precedenti modelli, permette di cambiare il livello di compressione, il tempo di rilascio ed il tempo di attacco.

1941 Tutte le azioni Telefunken vengo trasferite alla AEG che di fatto diventa l'unico proprietario del marchio Telefunken delle sue fabbriche e dei suoi brevetti.

1948 Alla Conferenza di Copenaghen dove si decise la spartizione delle radiofrequenze delle Onde Medie e Corte del''Europa Centrale la Germania non venne invitata, a causa della guerra recentemente conclusa. Ufficialmente perchè non era ritenuta una nazione tecnologicamente importante.
A causa di ciò la Germania decise di sviluppare le trasmissioni in FM anche accorgendosi che la qualità delle trasmissioni era notevolmente superiore di quelle in AM.
In questa fase Telefunken sviluppa il sistema microfono/amplificazione V72, e le sue evoluzioni, destinate ad essere usate nella totalità delle stazioni emittenti tedesche e buona parte di quelle europee, così come dai più importanti studi di registrazione, quali EMI, Decca, Telefunken ecc.

1955 L'azienda diventa Telefunken GmbH.

1967 Telefunken viene fusa con AEG e il nome della società è diventata AEG-Telefunken.

1970 Una pessima gestione porta l'azienda a perdere continue fette di mercato. AEG inizia ad esternalizzare interi segmenti di business e si susseguono continue riorganizzazioni.

1985 Daimler-Benz AG acquista ciò che rimane della AEG-Telefunken.

1996 Il nome Telefunken viene cancellato e tutte le attività relative ai prodotti audio cessate.

Oggi Il nome della società è stato rinnovato in Telefunken Holding AG e sono responsabili per il nome Telefunken e il suo uso in tutto il mondo.Negli Stati Uniti Telefunken USA aquista il diritto a costruire e commercializzare in tutto il mondo i microfoni originali ed alcune apparecchiature audio con il marchio Telefunken Elektroakustik.
L'azienda originale che ha contribuito a diffondere la musica in tutto il mondo non c'è più.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Anno di produzione: 1960

Tensioni di funzionamento (CA) 110; 125; 160; 220 Volts

Altoparlante Larga banda a magnete frontale

Dimensioni (LHD): 410 x 170 x 310 mm / 16.1 x 6.7 x 12.2 inch

Peso netto: 4.5 kg / 9 lb 14.6 oz

1 Valvole: ECL82

Cartuccia T20 - T20/2

Velocità 16/33/46/78 rpm

Telefunken Musikus 5SV

ALTOPARLANTE

L'altoparlante di questo apparecchio è molto interessante. Poichè è alloggiato nel coperchio superiore del mobiletto è stato necessario contenerne al massimo la profondità.
Per fare questo il magnete e la bobina mobile sono stati spostati nella parte anteriore dell'altoparlante, davanti al cono.
La curvatura del cono è inoltre ridotta al minimo.
Con queste intelligenti soluzioni la profondità si è ridotta a pochi centimetri.
La risposta in frequenza di un altoparlante con questo profilo è spostata verso gli acuti, che sono veramente brillanti.
Il mobile costruito sul coperchio permette di enfatizzare la gamma bassa, per cui alla fine la risposta in frequenza è piuttosto lineare.

CONTROLLO TONI

Un'altra caratteristica che svela la classe di questo apparecchio è il circuito dei controlli di tono, che è composta da due sezioni separate per le alte e le basse frequenze.

I controlli sono indipendenti dalla posizione del controllo di volume, a differenza dei circuiti solitamente usati nelle produzioni tedesche.

Questi controlli agiscono naturalmente solo sull'amplificatore interno, non su quello supplementare.

Telefunken Musikus 5SV
Telefunken Musikus 5SV

USCITA AMPLIFICATORE ESTERNO

Nella foto a sinistra si vede la presa DIN a 3 poli al quale si può collegare un amplificatore supplementare, come specificato nella presentazione dell'apparecchio.

Quando il deviatore è nella posizione Mono (un cerchio) su entrambi gli amplificatori, quello interno e quello supplementare, arriva lo stesso segnale.

Quando il deviatore è nella posizione Stereo (due cerchi) ai due amplificatori, quello interno e quello supplementare, arrivano separatamente i due canali, comandati dal potenziometro di volume che è composto da due sezioni uguali.

COMANDI

Telefunken Musikus 5SV

Il primo comando che si vede a sinistra è il cambiatensione. Va usato solo all'inizio per adeguare la tensione di funzionamento del giradischi a quella della rete. Poi non va più toccato.
Segue il controllo dei toni bassi dell'amplificatore interno.
Poi il potenziometro del volume (di entrambi i canali)

Ed infine la manopola del controllo dei toni Acuti.
Più in alto si vede la grossa manopola del controllo della velocità del giradischi.
Infine il commutatore Mono/Stereo e l'uscita per l'amplificatore supplementare.

LE FASI DEL RESTAURO

ASCOLTATO CON IL MUSIKUS QUESTO CAPOLAVORO DI RACHMANINOW CI SI IMMERGE COMPLETAMENTE NEL PASSATO
Telefunken Musikus 5SV

Lascia un commento